Login   Tu sei in: tecnopolo


La rete regionale


logo piattaforma

logo piattaforma

logo piattaforma

logo piattaforma

logo piattaforma

 

logo piattaforma
Piattaforma Agroalimentare

logo piattaforma
Piattaforma ENA

logo piattaforma
Piattaforma ICT e DESIGN


logo piattaforma
Piattaforma MECCANICA e MATERIALI


NEWS


Immagine
Materiali radioattivi investigati nel progetto CAST
22/02/2020
ENEA Bologna

Natura ed effetti di processi ed eventi utilizzati per valutare la sicurezza dell'impianto di smaltimento geologico devono essere considerati per periodi di tempo di centinaia di migliaia di anni. Questa newsletter intende informare le parti interessate con un interesse generale nel progetto CAST.

Il carbonio-14 è una sostanza radioattiva naturale (radionuclide) che viene continuamente generata nella nostra atmosfera e sulla superficie terrestre, dai reattori nucleari. Il carbonio-14 è radioattivo, ma non presenta un rischio di radiazioni esterne poiché le radiazioni non possono penetrare nella pelle. Quando la dose di radiazioni proviene principalmente da questo radionuclide, ad es. grafite irradiata, manipolazione remota o schermatura non sono necessarie.
Il carbonio-14 viene utilizzato per determinare l'età di oggetti di origine biologica, come ossa, stoffa, legno e fibre vegetali. L'incorporazione del carbonio-14 si interrompe quando l'organismo muore e il suo contenuto diminuisce per decadimento radioattivo nel tempo. Contando la concentrazione di carbonio-14, è possibile determinare l'età fino a circa 50.000 anni. Le forme chimiche determinano la facilità con cui il carbonio-14 può essere assimilato. Questo è il motivo per cui è importante capire come il carbonio-14 viene rilasciato dai rifiuti radioattivi. I tipi di rifiuti radioattivi studiati nel progetto CAST sono presentati in questa newsletter.
Fonte news
TECNOPOLO ENEA BOLOGNA




POR FESR

logo rete



Condividi questa pagina con

LinkedIN share Facebook share condividi